Relais in dimora storica del XVI sec. a CASOLE D'ELSA, via La Suvera

Vendita Giudiziaria
In Evidenza
Salva

Complesso aziendale composto da beni immobili, mobili e avviamento, di grande pregio storico, culturale ed architettonico soggetto a vincolo di patrimonio del Ministero dei Beni Culturali, posto in Comune di Casole d’Elsa, Villa La Suvera n. 70 in straordinaria collocazione paesaggistica e geografica dei Colli Senesi, composto da edifici prevalentemente adibiti a resort oltre a circa 20 ettari di terreno.
Il compendio immobiliare è stato ristrutturato e restaurato per adeguarlo allo svolgimento dell’attività  ricettiva alberghiera con classificazione a cinque stelle.
Consta di un edificio principale (ex villa papale) al cui interno sono stati ricavati sfarzosi locali ricettivi oltre a varie sale “comuni” che mantengono lo stile e la sfarzosità  dell’epoca fine ottocentesca. Al piano seminterrato della villa è stata inoltre ricavata un’apprezzabile zona spa e relax con vasche idromassaggio e ampi spazi per massaggi e trattamenti.
Il grande piazzale d’ingresso unisce la ex Villa Pontificia con la Chiesa, l’adiacente ex Fattoria, le ex Scuderie, il corpo di fabbrica di collegamento tra ex scuderie e ex fattoria. Intorno vi sono altri edifici, come la ex Casa del Giardino dei Limoni, o la ex Oliviera, sorti a formare un piccolo borgo. Gli edifici sono circondati da resedi e da un parco settecentesco di giardini all’italiana ornato da piante di limone oltre ad un boschetto di lecci con un laghetto per una superficie complessiva di 5.000 mq; il giardino presenta le tipiche essenze della macchia mediterranea, con siepi di bosso e alloro; la sistemazione dell’intorno comprende importanti antiche opere in marmo, ninfei, fontane, statue, stemmi, colonne, voliere, decorazioni oltre a due cisterne e un pozzo.
Limitrofi al parco vi sono tre manufatti adibiti rispettivamente a forno (mq 22), deposito (mq. 34) e ripostiglio del laghetto (mq 24). Il complesso è dotato di un parcheggio confinante con una pineta, di un campo da tennis e di una piscina riscaldata di 149 mq con terrazze e solarium. Completano la proprietà  circa venti ettari di terreni aziendali aventi una giacitura pianeggiante o leggermente collinare con buona esposizione, l’orientamento colturale è quello tipico di un’azienda agraria della zona dei colli senesi con la produzione di vino Chianti Colli Senesi DOCG e IGT Toscana Centrale (albi di base – primari) e olio dalla trasformazione delle uve e delle olive prodotte in azienda.
E’ da rilevare che il dettaglio delle superfici vitate aziendali non trova esatta corrispondenza tra la superficie catastale in atti e quella effettivamente investita a vigneto, occorrendo in futuro un riallineamento tecnico-topografico con le superfici dichiarate e foto interpretate che sono presenti nel fascicolo aziendale elettronico di ARTEA.
Vengono qui di seguito descritti gli immobili in riferimento allo schema planimetrico dei fabbricati allegato in perizia.

“A” – EX VILLA PONTIFICIA – XVI sec. (ALBERGO, APPARTAMENTO, CENTRO BENESSERE)

L’aspetto attuale dell’edificio principale è un mix tra le reminiscenze medioevali dell’antica fortezza e la sontuosità  del castello rinascimentale con la pesante massa del basamento a scarpa del fortilizio medievale. Dispone di elementi architettonici di grande pregio, camini, portali, colonne, affreschi, pavimenti e infissi. Si sviluppa per quattro piani fuori terra, un piano seminterrato e due piani ammezzati; l’immobile presenta dei grandi loggiati ed i vari piani sono collegati tra loro da due scale interne e da un ascensore, oltre ad un piccolo montacarichi; al piano nobile (il primo) trova la sua collocazione un museo privato, organizzato attraverso vari locali quali la Sala del Papa, la Sala della Marchesa Campana, l’archivio storico e la Biblioteca. Gli ambienti sono per la maggior parte con soffitto a volte e pavimento in cotto; per quelli del sottotetto vi è la struttura della copertura a vista, costituita da puntoni, arcarecci, capriate e travicelli su cui appoggia un pianellato in cotto. Nel seminterrato della parte medioevale vi è la sottocentrale degli impianti idrici e termici a servizio del palazzo, con il centro benessere dotato di vasca idromassaggio ricavata da un’antica cisterna, con acqua trattata e riscaldata a 38 gradi C; centro massaggi e trattamenti, bagno turco, zona fitness, zona relax. Il resto del fabbricato è interamente utilizzato per lo svolgimento di attività  turistico-ricettiva ad esclusione di alcuni locali del Piano Terreno e del Piano Terzo che sono adibiti ad abitazione privata della proprietà  (Fg.99 P.lla 48 sub.22): quest’ultima è composta da una ampia cucina con ripostiglio al Piano Terreno, mentre la zona notte si sviluppa al Piano Terzo ed è composta da due camere da letto, due bagni, una sala ed un loggiato oltre ad un disimpegno. La ricettività  complessiva dell’immobile è di 25 posti letto suddivisi in n. 9 suite e n. 3 camere tutte dotate di servizio igienico ad uso esclusivo.

“B” – EX SCUDERIE – XVIII sec. (ALBERGO)

E’ un edificio a due piani fuori terra (avente però la porzione “di testa” lato nord-ovest, con un ulteriore livello), di pianta rettangolare, con copertura a padiglione, costruito perpendicolarmente alla facciata nord-ovest della villa pontificia; è interamente utilizzato per lo svolgimento dell’attività  turistico-ricettiva con ampia hall e n.5 suite al Piano Terreno, n. 6 suite + n.1 camera al Piano Primo, smistate da un corridoio centrale sia al piano terreno che al primo piano collegato da una scala interna.
Accatastati assieme a tale fabbricato, oltre alla piscina vi sono anche tre annessi agricoli posti nella zona nord-ovest e costituiti da fabbricati in muratura ad un solo livello ad uso, rispettivamente, di forno, di deposito/segheria e di magazzino; il primo ha copertura “a capanna” e vi si accede dal piazzale retrostante le ex Scuderie ed è posto accanto alla cancellata d’ingresso di servizio al complesso; il secondo ha la copertura “a padiglione”, con una tettoia sulla zona d’ingresso, sorretta da pilastri in cemento armato, il terzo è ad un’unica falda.
Un ulteriore magazzino, un tempo probabilmente ad uso ricovero per gli animali, è posto ai limiti del confine sud della proprietà , al di sotto del resede p.lla n.369, ed è costituito da un piccolo fabbricato in muratura ad un solo piano con copertura ad un’unica falda con manto in embrici.

“C” – EX FATTORIA – XIX sec. (ALBERGO E CANTINA)

E’ un edificio posto parallelamente al precedente e costruito in adiacenza alla Chiesa; a pianta
rettangolare, con copertura a padiglione, si sviluppa per due piani fuoriterra collegati tra loro da un’ampia scalinata coperta, con un ulteriore piano seminterrato ad uso cantina (Fg.99 P.lla 48 sub.9); quest’ultima è costituita da grandi locali con soffitto a volte in mattoni a vista ed è collegata a dei locali sottostanti la sacrestia della chiesa in cui trovano collocazione la sottocentrale di distribuzione idrica e termica. E’ organizzato come l’edificio precedente, con due piani ad uso camere per gli ospiti. Al Piano Terreno (definito Piano Primo negli elaborati grafici a causa del dislivello con le ex Scuderie) sono state ricavate n. 2 camere accessibili anche a persone con ridotte od impedite capacità  motorie. Al Piano Terreno, oltre a cinque suite, si trovano due camere dotate di servizio igienico ad uso del personale, un magazzino, un ripostiglio e due locali adibiti all’esposizione di prodotti in vendita nella struttura, dotati di un bagno e due ripostigli. Questi locali sono collegati con il piano sottostante da una piccola piattaforma elevatrice. Il piano superiore accoglie due camere e tre suite, oltre ad un locale a servizio del personale dotato di servizio igienico ed un ripostiglio per il deposito della biancheria. Alcune camere del Piano Primo (secondo livello negli elaborati grafici) affacciano su dei piccoli terrazzi, come una suite del piano sottostante.

“D” – CORPO DI FABBRICA DI COLLEGAMENTO TRA EX SCUDERIE ED EX FATTORIA – anno 2007 (SERVIZI)

E’ un edificio realizzato nell’anno 2007 che collega i due corpi di fabbrica precedentemente descritti, in modo da disegnare planimetricamente una conformazione a “ferro di cavallo” con giardino interno; il piano terra è costituito da una quinta in muratura sul lato interno, a chiusura di una zona porticata ad uso limonaia, con solaio di copertura in voltine di mattoni; il piano primo è di servizio (con locali ad uso magazzino, stireria, lavanderia etc.) con un corridoio, posto in adiacenza alla facciata perimetrale interna, che mette in comunicazione gli edifici B e C; il secondo livello è costituito da un grande terrazzo di copertura, lastricato in cotto. I vari piani sono collegati tra di loro tramite un ascensore ed una scala interna, mentre un montacarichi collega il Piano Terreno con la lavanderia.

“E” – CHIESA – XV sec.
Dedicata a San Carlo Borromeo è un edificio quattrocentesco, tuttora adibita a culto, intatta nella sua struttura originaria e formatasi probabilmente su una preesistenza medievale: è a pianta unica con impianto rettangolare ed abside interna, con ampia sacrestia, ricavata nei volumi del corpo di fabbrica condiviso con i fabbricati retrostanti. L’interno ha subito un rifacimento nel 1751 con decorazioni in stucco che incorniciano tombe di famiglia, reliquie e storici arredi. L’immobile è costruito in aderenza alla ex fattoria ed al piano sottostante sono stati ricavati un ripostiglio e la sottocentrale idrica e termica a servizio del complesso ex Scuderie ed ex Fattoria.

“F” – EX OLIVIERA – XIX sec. (RISTORANTE E SERVIZI)

E’ un edificio posto di fronte al cancello di ingresso principale, al di fuori del parco, con un piazzale pavimentato in cotto nella zona d’accesso, resede pertinenziale antistante la cucina e corte interna; è a pianta rettangolare, di due piani fuoriterra. Al piano terreno vi sono quattro sale del ristorante, la cucina e zona lavaggio, servizi igienici con disimpegno, magazzino, celle frigo, ripostigli e locale caldaia; al primo piano vi sono le camere con bagni per i dipendenti della struttura, tre ripostigli e terrazzino.

“G” – BAR

Posto in prossimità  della piscina, su un terrazzamento a quota inferiore, si sviluppa per un piano fuori terra, a livello del giardino, oltre due piani sottostanti, l’ultimo dei quali è a livello stradale. E’ un annesso a pianta composita, costruito in corrispondenza di un forte dislivello, un tempo probabilmente utilizzato come limonaia o ricovero per gli attrezzi da giardino; attualmente è adibito a sala bar, con cucina e sala lavaggio, magazzino e servizi igienici al primo livello, mentre al primo seminterrato vi è una camera per il personale, un locale di comodo, un bagno e un ripostiglio; al secondo seminterrato, a livello strada sottostante, vi è una cantina con centrale termica e piccolo ripostiglio.
Ulteriori ambienti fanno parte di un’unità  immobiliare accatastata ad uso civile abitazione con piazzale d’accesso pertinenziale ubicata ad un piano rialzato al di sotto della cucina del bar e con ingresso dalla strada a valle retrostante l’intera proprietà .

“H” – RECEPTION E UFFICI

E’ un fabbricato ad un livello, ampliato nell’anno 2006, con pianta a forma di “L”, posto lateralmente rispetto l’ingresso principale: il fronte principale prospetta direttamente sulla strada mentre quello tergale affaccia sull’area pavimentata in cotto nella quale è stata realizzata la piscina. E’ adibito a reception/portineria, con annessi uffici e servizio igienico.

Curatrice: dott.ssa Lavinia Linguanti

Per richiedere la visita all’immobile in gara:
Email: visite.ivg@gmail.com
Cell.: 3397337017

(questo è un estratto, per una descrizione più dettagliata e completa si invita a prendere visione della perizia o di quanto scritto sull’avviso di vendita).

Offerte entro il 19/10/2021
Data vendita il 20/10/2021
La vendita avrà luogo presso : uffici Istituto Vendite Giudiziarie in Via del Pozzo n.1, Monteriggioni (SI) , Siena
Scheda aggiornata il 29/09/2021 alle ore 03:03
Informazioni sulla Procedura
Tribunale di Siena
N° IVG: 66/21CSI0
Numero: Fallimentare (nuovo rito) 80/18
Giudice: Dott.ssa Valentina Lisi
Curatore: Dott.ssa Lavinia Linguanti
20/10/2021 8.196.637,00 €

Modalità di partecipazione

E’ OBBLIGATORIO:

Modalità di partecipazione

Fallimenti e Concorsuali

E’ OBBLIGATORIO

1. CONSULTARE L’ORDINANZA o AVVISO DI VENDITA:

dai quali si evincono le disposizioni del Giudice, le date e le modalità di vendita ed il termine per il deposito delle offerte

2. CONSULTARE LA PERIZIA:

dove si reperiscono i dati catastali, eventuali difformità o abusi, e quanto è necessario ai fini della conoscenza dell’immobile

3. PRESENTARE DOMANDA IN BUSTA CHIUSA:

presso la Cancelleria del Tribunale o presso il delegato allegando assegno/i circolare/i non trasferibile/i secondo le modalità e le disposizioni richieste nell’ordinanza o nell’avviso di vendita allegato alla presente scheda

ATTENZIONE LA PARTECIPAZIONE ALLE VENDITE ATTESTA LA PERFETTA CONOSCENZADELLA PERIZIA E DELL’ORDINANZA DI VENDITA E DI TUTTE LE DISPOSIZIONI O INFORMAZIONI IN ESSE CONTENUTE. PRIMA DI DEPOSITARE OFFERTE DI ACQUISTOCONTROLLARE EVENTUALI MODIFICHE O AGGIORNAMENTI NELLA SCHEDA DEL BENE.

STATO DI OCCUPAZIONE e VISITE:

per essere edotti sullo stato di occupazione, la condizione dei luoghi e sugli oneri condominiali, e concordare la visita contattare il Delegato alla vendita

Cookie Privacy

Il nostro sito utilizza i Cookie per una corretta esperienza di navigazione, continuando ne accetti il loro utilizzo. Ulteriori INFO.